LG G2, è lui il vero top smartphone del 2013?

(Di nuovo un buongiorno a tutti voi, purtroppo questo articolo non sarà il primo di tanti altri, ma solamente un piccolo riavvicinamento al nostro vecchio progetto , visto la pioggia che cade piovosa sull’intera Italia e una serie di eventi, mi trovo a riscrivere qualcosa per mAndroidWorld.)

Chiusa questa piccola parentesi, volevo parlarvi oggi di uno dei migliori smartphone del 2013, da alcuni definito proprio come il miglior device del 2013.. è veramente così per LG G2?!

DSC_0116

Il mio avvicinamento a questo device non è stato, come spesso succede, un acquisto ponderato e studiato in ogni suo dettaglio.. ma è stato più un acquisto di impulso, come un fulmine a ciel sereno sono stato colpito dalla scimmia che mi saltellava da una spalla all’altra per farmi prendere questo smartphone; e così, grazie all’offerta proposta dagli stockisti.it (che come sempre riescono a battere l’intera concorrenza nazionale ed europa in fatto di prezzi e qualità del servizio) ho portato a casa questo bel device al prezzo di 399€ con le spese di spedizione incluse e naturalmente garanzia europea.

Tra l’altro LG sembra, stando alle ultime dichiarazioni, voler venire incontro anche a tutti gli utenti italiani che acquistano smartphone all’estero fornendo le stesse garanzie e servizi offerti per gli smartphone coperti da garanzia italiana. Quindi tolta anche questa piccola “bega” compro questo LG G2 da 16GB in versione bianca sul mitico sito gli stockisti.it e in meno di 48 ore (madonna che servizio al top che offrono) posso avere tra le mani questo top di gamma della casa sud coreana LG.

Naturalmente essendo un acquisto di impulso non ho potuto informarmi molto sulle caratteristiche tecniche di questo smartphone, inoltre il mio scetticismo nei confronti di LG che, a mio parere prima dei Nexus 4 e Nexus 5 non aveva molto da dire nel mercato dei dispositivi mobile nei confronti di case come Samsung, Sony ed Apple, non mi faceva di certo essere convinto al 100% dello smartphone appena comprato, se poi aggiungo che per acquistarlo ho dovuto pure vendere il mio bellissimo HTC One, capite che un po’ di paura prima di aprire la confezione l’ho avuta..

Ma ora è il momento di entrare nel mondo LG e vedere da vicino questo LG G2 e provare a dire se questo device merita lo scettro di miglior smartphone del 2103.

DSC_0115

La confezione si presenta molto accattivante e, come già visto anche per HTC One, in materiale completamente riciclabile; quello che toglie veramente il fiato però è il suo contenuto, infatti una volta aperto il coperchio superiore troviamo uno schermo immenso, ben 5.2 pollici di schermo FullHD con tecnologia LCD IPS e dei bordi laterali praticamente inesistenti. Se valutiamo infatti la differenza di pollici dello schermo tra HTC One e questo LG G2 (faccio un confronto con One perché oltre ad essere il mio precedente smartphone è considerato dalla maggior parte dei critici il vero avversario di questo LG G2 per il titolo di miglior smartphone 2013) è di ben mezzo pollice in meno (circa 1,2cm), ma l’ottimizzazione fatta da LG su questo smartphone lo porta comunque ad avere praticamente le stesse dimensioni di HTC One, infatti quelle di LG G2 sono di 138.5 x 70.9 x 8.9 mm contro i 137.4 x 68.2 x 9.3 mm di HTC One.

DSC_0106

Molto di questa ottimizzazione è dovuta, oltre a dei margini laterali praticamente inesistenti, anche all’assenza di tasti fisici/capacitivi sia sulla parte frontale dello smartphone, sia su tutto il perimetro laterale del device. Questo perché i tasti volume e accensione sono stati posizionati per la prima volta sulla parte posteriore della cover, fornendo così anche una maggior facilità d’uso e una presa ben salda dell’utente con l’utilizzo dello smartphone con una mano sola.

Grande novità introdotta con questo smartphone, che poi si ricollega anche alla scelta del posizionamento del pulsante di accensione sulla parte posteriore del device, è sicuramente la modalità KnockOn per l’accensione dello schermo del telefono, infatti vi basterà “bussare” (un doppio tap) su qualsiasi parte dello schermo per far si che quest’ultimo si accenda e vi troviate davanti alla schermata di sblocco del device. Funzione questa molto utile in caso in cui il telefono sia appoggiato ad un tavolo e quindi risulti impossibile agire sul pulsante di accensione; ma vi posso garantire che una volta presa confidenza con questo metodo di accensione vi dimenticherete assolutamente del pulsante fisico di accensione e spegnimento anche perché grazie all’ottimizzazione software messa in campo da LG con la sua interfaccia, sarà possibile anche spegnere lo schermo del telefono attraverso un doppio tap su quest’ultimo (KnockOff).

DSC_0114

Sulla cover posteriore, molto lucida e con un effetto zigrinatura molto gradevole alla vista (un po’ meno alle cover morbide in silicone visto la creazione di bolle d’aria) troviamo oltre ai pulsanti già citati, una fotocamera da 13 megapixel, dotata di stabilizzatore OIS e flash LED che ci permetterà di immortalare in piena libertà i momenti della nostra giornata con dei risultati davvero ottimi, ottenuti anche grazie alle modalità di scatto messe a disposizione da LG con la sua interfaccia come ad esempio Shot & Clear (permette di eliminare oggetti indesiderati dall’immagine), Tono Dinamico (HDR), Panorama, Multiscatto, Foto ritocco , Fotocamera Doppia (permette di avere anche un riquadro con l’immagine catturata con la fotocamera frontale), Time Catch (permette di eseguire più scatti in breve tempo con poi la possibilità di selezionare il migliore) Sport e Notte.

Rimanendo poi in ambito multimediale, sarà possibile eseguire video FullHD con registrazione fino a 1080p con 60fps fornendo quindi all’utente un vero e proprio device in grado di dare ottimi risultati in ambito video e fotografico con risultati immediati, grazie agli aiuti automatici e di ottima fattura. Per quanto riguarda l’audio troviamo due casse poste nella parte inferiore dello smartphone che offrono un ottimo suono in stereo, ma non raggiungono purtroppo il livello fornito da HTC One con Boomsound, ma comunque si difendono discretamente non andando in distorsione al volume massimo, offrendo una buona valorizzazione dei bassi e permettendovi quindi di non perdere alcuna chiamata e gustarvi discretamente le vostre canzoni preferite. Buono anche l’audio durante le chiamate e l’ascolto tramite gli auricolari forniti in dotazione con lo smartphone.

Entrando invece un pò più nel tecnico di questo device, troviamo un processore Qualcomm Snapdragon 800 quad-core da 2.26 Ghz a spingere tutta la potenza e fluidità di questo smartphone, accompagnato poi da 2GB di memoria RAM e un processore grafico Adreno 330. Per quanto riguarda invece la dotazione di memoria, il nostro lo troviamo nella taglia da 16GB dei quali solamente 10.62 GB sono destinati all’uso dell’utente e gli altri rimanenti servono per far girare al meglio il sistema. E qui probabilmente troviamo il primo punto debole di questo smartphone, il quale non essendo dotato di espansione della memoria via microSD costringe l’utente a dover stare attento a non esaurire tutto lo spazio a sua disposizione. Unico modo per ottimizzare questo “problema” è acquistare la versione da 32GB oppure rootare il telefono ed andare ad agire sullo spazio occupato dal sistema.

Lo smartphone inoltre è dotato di tutte le connessioni al momento disponibili sugli smartphone, troviamo infatti connessioni alle reti GMS/UMTS ed LTE, Bluetooth 4.0, NFC, GPS con Glonass e porta infrarossi per poter controllare TV, decoder ed Home Theater direttamente dal vostro device.

Vero punto di forza di questo smartphone è probabilmente la batteria da ben 3000 mAh che vi permetterà di arrivare (con un minimo di parsimonia) a due giorni di autonomia con ben 5 ore di schermo aperto, cosa fino ad oggi mai vista su altri smartphone, infatti se volete finire la batteria di questo device in una sola giornata dovrete impegnarvi decisamente a fondo per averla vinta prima di andare a dormire.

Molto simpatico anche l’effetto di luci che si può creare con l’utilizzo di programmi come Light Flow, che vanno a gestire il LED di notifica posto sulla parte frontale dello schermo, il quale essendo multicolore vi permetterà di poter scegliere qualsiasi colore da associare alle notifiche di programmi o contatti presenti sul vostro device. Notifica luminosa presente anche sul pulsante di accensione e spegnimento che si illuminerà di bianco in caso di notifiche in entrata, avvisandovi così anche in caso in cui lo smartphone sia appoggiato dalla parte dello schermo su una superficie.

DSC_0108

Non mi dilungo oltre in quanto non è una vera e propria recensione dello smartphone, ma più una chiacchierata tra “amici” che mi sono concesso per mostrarvi questo mostro della tecnologia messo in campo da LG. Ora quindi siamo arrivati al momento delle conclusioni. Naturalmente essendo anche una questione di gusti estetici, sarà soggettivo definire questo smartphone superiore o inferiore ad altri top di gamma di altre marche. Dal mio punto di vista però vi dico che considero questo device come il miglior smartphone realizzato nel 2013 e vi spiego anche il perché… Sicuramente grande parte di questo merito va alla batteria, che troppo spesso è stata messa in secondo piano da altri produttori, ma essendo lo smartphone nato come strumento per chiamate e messaggi, quindi la possibilità di rimanere in contatto con le persone a noi care, mi sembra controproducente trovarsi impossibilitati ad effettuare chiamate o ad inviare messaggi a causa della batteria scarica; e questo su LG G2 vi garantisco che nell’arco di una giornata non succederà mai; altro punto a favore che mi porta a definire questo smartphone come il migliore del 2013 è sicuramente l’ottimizzazione dello spazio, in quanto far stare uno schermo da 5.2 pollici in dimensioni dove altre case produttrici hanno fatto stare schermi da 4.7 o 5 pollici non è da tutti e un grande complimento va quindi agli ingeneri di LG che sono riusciti anche a ridisegnare e adattare questo smartphone all’utilizzo dell’utente posizionando i tasti fisici sulla parte posteriore (facilmente raggiungibile) del device.

DSC_0110

Il punto negativo (secondo me comunque non vanno ad incidere troppo sulla qualità dello smartphone) è come già detto in precedenza il quantitativo di memoria messo a disposizione dell’utente nella versione da 16GB, che in caso di notevoli documenti, file musicali e video stanno presto ad esaurire. Va fatta una piccola critica ad LG per quanto riguarda gli aggiornamenti del sistema operativo, in quanto questo LG G2 nei confronti dei diretti rivali come HTC One (Android 4.4.2), Samsung Galaxy S4 (Android 4.4), Sony Xperia Z1 (Android 4.3) non può vantare l’ultimo sistema operativo di casa Google ma si ferma ad un Android Jelly Bean 4.2.2, cosa speriamo sia velocemente risolvibile con imminente aggiornamento software che attendiamo venga ufficializzato da LG stessa che magari può includere anche un’ottimizzazione della memoria utilizzata dal sistema, così sistemando due problemi in un unico colpo.

Il mio consiglio è quindi di prendere il miglior smartphone del 2013 ad un prezzo davvero stracciato per un top di gamma e correte su gli stockisti.it che la versione da 16GB è già scesa a 379€.

Sperando di sentirci di nuovo presto, un saluto a tutti da Ivan per mAndroidWorld

 

 

 

Tags: ,