HTC Desire EYE in uno speed test e benchmark

Se fino ad oggi HTC ci aveva abituato ad inquadrare in una determinata fascia di prodotto i propri dispositivi in base alle denominazioni di quest’ultimi, con HTC Desire Eye questa cosa sembra essere decisamente cambiata; infatti se negli ultimi anni la linea Desire andava ad interessare la fascia di prodotti mid-level e la linea One riguardava invece i top di gamma (ad esclusioni delle varianti “mini” naturalmente) con questo Desire EYE l’azienda taiwanese cambia le carte in tavola andando ad inserire in questo prodotto di fascia medio-alta, secondo HTC visto anche il prezzo di partenza di cui è accreditato questo smartphone, un hardware di tutto rispetto, anzi lo stesso di HTC One M8, ovvero il prodotto di punta della casa per questo 2014.

htc-desire-eye-9-630x394

Abbiamo una conferma di questo grazie anche ai primi test di velocità di trasmissione dati via internet e di test del benchmark che valutano invece le prestazioni hardware dei vari dispositivi. Naturalmente questi test vanno sempre presi un po’ con le molle, quelli di velocità di navigazione sicuramente perché la velocità di download e upload è derivata da molti aspetti e può variare sullo stesso dispositivo in base a utilizzo della rete da parte di altri programmi, traffico della rete derivato da altre connessioni di altri dispositivi, copertura della zona o posizione dell’utente durante il test (all’aperto, in casa, ecc..) e quelli del test del benchmark perché si valutano le prestazioni del processore, della scheda grafica, della memoria RAM e memoria interna, ma non riesco a darci un’idea ad esempio di quanto possa essere fluido o ottimizzato il sistema operativo su quel determinato dispositivo. Fatta quindi questa breve premessa vi lasciamo a questi risultati nei test e per quanto riguarda il test benchmark vi invitiamo a guardare come a conferma di quanto detto in apertura dell’articolo le differenze tra HTC Desire EYE ed HTC One M8 siano veramente di poco conto.

htc-desire-eye-benchmark-results

 

 

 

Fonte @HTCSource